Ho imparato da te…

Perché?

Quante volte me lo sono chiesto, perché?

Ti sono stato a guardare per ore, ho pregato, ho consumato tutte le mie lacrime, ti ho annusato, ti ho respirato, me la sono presa col mondo, ma non con Dio perché sarebbe stato troppo facile. Ho cercato soluzioni, scorciatoie, spiegazioni, ho fatto fatica ad accettare questa nuova realtà, anzi non sono proprio riuscito ad accettarla finché non ho capito che dovevo imparare da te.

Ho imparato da te che se riesci a resistere ancora un attimo, un solo attimo in più anche quando tutto ti sembra perduto, accade qualcosa che forse non ti aspettavi, ma che ti da la forza per andare avanti.

Ho imparato da te la bellezza dei momenti semplici, quelli che tanto ci saranno anche domani, quelli banali a cui non avevo mai fatto caso.

Ho imparato da te che si può sorridere anche in un giorno buio, perché comunque è un giorno della tua vita.

Da te ho imparato cosa sono il coraggio e la forza, quelli veri, quelli che ti hanno fatto camminare sui gomiti, ma che ti hanno permesso di non fermarti mai.

Ho imparato quanto può essere crudele, ingiusta la vita, ma anche che se le resti aggrappata con tutto te stesso, non ti abbandona al primo alito di vento.

Ho imparato quanto sono belli i colori guardando i tuoi disegni, quanto è bella la musica, scegliendo con te le canzoni sentite mille volte, ma sempre come se fosse la prima.

Ti ho guardato voltare le spalle ai momenti difficili snobbandoli come non fossero mai esistiti.

Ho imparato che il futuro è adesso.

Mi sono sentito privilegiato nell’essere al tuo fianco, fortunato perché se mi abbracci sento il tuo profumo,  la tua voce, accarezzo i tuoi capelli, ti guardo negli occhi e tutto il resto…tutto il resto cosa?