Vi racconto il mio romanzo #recensione #libro #leggere #bookblog #booklover #bookfestival

Questa volta mi sono dato un obbiettivo che devo a tutti i costi raggiungere: 31 dicembre 2018, non ci sono scusanti. calendar-3045826__340

Se ho imparato qualcosa in questi due anni di gestione del mio blog, è che se voglio riuscire a fare una cosa e voglio essere certo di vederne la fine, devo fare un programma, che sia dettagliato o meno questo non ha molta importanza, l’importante è che ci sia e che abbia una scadenza, una “dead line” da non oltrepassare, quindi questo è quanto:

Il mio prossimo romanzo (di cui in questo articolo vi darò alcune anticipazioni) a meno di grossi imprevisti, dovrebbe vedere la luce entro la fine di quest’anno e si intitolerà: “Tre giorni poi sarà per sempre”

Naturalmente parlo della prima stesura, ma già arrivare a centrare questo obbiettivo, sarebbe per me davvero ottimo! Forse potrebbe sembrare ottimistica come data o al contrario si potrebbe pensare che in otto mesi, clock-3179167__340.jpgossia qualcosa come 240 giorni circa, ci sia tutto il tempo per centrare l’obbiettivo senza troppi patemi, non credete?

Non cerco scusanti, ma vi assicuro che la mia modesta esperienza (è il mio quarto romanzo) mi dice che avrò bisogno di tanta buona volontà e ispirazione per non deludere le aspettative.

E’ chiaro che ci sono alcuni elementi che giocano a mio favore ed altri a sfavore.

Partiamo dagli elementi a mio sfavore:

Il tempo che fra famiglia e lavoro, è davvero poco; se ci mettiamo poi la gestione del blog con la novità della Vetrina Emergenti e la gestione dei miei e-book: Aspettando l’alba  e L’anima non si arrende attualmente pubblicati e delle relative Recensioni / Segnalazioni e quant’altro, capite che il tempo che rimane è davvero poco per potermi dedicare come meriterebbe alla stesura di un romanzo.

I cali di ispirazione: purtroppo non è sempre detto che un momento libero corrisponda a un momento in cui sia possibile scrivere un capitolo intero di un romanzo. notepad-3316266__340.jpgInfatti può capitare di rimanere ore davanti al foglio bianco senza riuscire a scrivere una sola riga… situazione che odio, ma che devo accettare ogni qualvolta si presenta.

Imprevisti: il personaggio o la situazione studiata a tavolino, inserita in uno schema di storia pressoché definitiva, non prende forma come pensavo, non mi piace non mi convince più. Lo devo far sparire, o quantomeno modificare, ma come? Panico!!

Gli elementi che giocano a mio favore, invece sono:

La passione: che mi porta ad accendere il pc per scrivere magari una sola riga, anche se ho avuto una dura giornata e sarebbe ora di riposare. fantasy-3208206__340.jpg

La tecnologia: che mi permettere di cogliere al volo un’idea un’ispirazione ovunque mi trovi grazie allo smartphone dal quale posso accedere ai miei files. Le ispirazioni vanno prese al volo, potrebbero non ripresentarsi così nitide; lasciarle scappare è un vero peccato.

La storia è ben chiara: i tre romanzi che ho scritto fino ad ora, mi hanno dato molto più filo da torcere: sapevo cosa volevo dire, era chiaro nella mia testa il messaggio della storia, ma i personaggi facevano fatica a nascere, le vicende a intrecciarsi come volevo. Questa volta il mio lavoro da questo punto di vista è davvero molto più semplice. L’idea è nata all’improvviso diversamente dalle altre, i personaggi parevano lì ad aspettarmi.

La cosa che più mi affascina dello scrivere romanzi è notare quanto ognuno sia estremamente diverso dall’altro per stati d’animo, riflessioni e emozioni che mi hanno portato a scriverlo.

In questi giorni sto rileggendo la prima parte e devo dire che ne sono abbastanza soddisfatto. Questo è l’incipit da cui poi parte la storia, una storia d’amore, di sfide, di amicizia.

5 Agosto: 35 giorni al matrimonio… quel tratto di terra spezzata dal mondo

«Tre giorni poi sarà per sempre. Di cosa hai paura Asia?»

Gli occhi di Asia si inondarono di lacrime, la sua mano insicura cercò quella di Giorgio e la strinse forte.

«Non mi piace Giorgio, questa storia non mi piace per niente!»

Mentre la luna si eclissava dietro le case, la luce della candela che a stento illuminava i loro volti sferzata dal caldo vento preludio di un temporale estivo, traballava come quelle certezze che da sempre Asia teneva strette nel cuore e di cui mai avrebbe pensato di doverne dar prova.

Per la prima volta da quando si rifugiava con Giorgio in quel luogo clandestino, Asia non si sentiva a suo agio, non si sentiva a casa. Quelle pareti ancora livide di calce, prive di colore e di personalità, non erano più una sicurezza, un tratto di terra spezzata dal resto del mondo. Per la prima volta Asia ebbe paura che il loro amore fosse risucchiato dal frastuono del mondo dal quale da sempre l’avevano protetto.

Contrariamente a Asia, Giorgio era quasi eccitato da quell’idea folle e inaspettata, che aveva in qualche modo turbato il perpetuo attrarsi fra loro come fra due magneti, di cui ora qualcosa ne aveva forse cambiato il segno.

 Vi piace?

Vi lascio anche questo piccolo assaggio con la promessa che vi racconterò di più di questa storia… prossimamente.

Da quel piccolo avamposto sul mondo, sogno o utopia di una vita da fiaba, castello incantato e proibito in cui la sua principessa lo attendeva perché fosse per sempre, Giorgio lasciava libero sfogo alla sua fervida fantasia, trasformando la normalità di quelle vite spiate, in qualcosa di intrigante, affascinante e misterioso.

 Se vi è piaciuto non perdetevi il prossimo capitolo di : ”Vi racconto il mio romanzo” in cui vi darò anche un’anticipazione di quella che sarà la copertina che per ora è solo disegnata.

Marco

I MIEI E-BOOK SONO SEMPRE LI’ CHE VI ASPETTANO PER ESSERE SCARICATI:

Aspettando l’alba

ATTENZIONE: “Aspettando l’alba” è in revisione. Sto editando l’e-book al fine di renderlo più professionale possibile. Inoltre sto studiando con il mio fotografo Andrea Lanceni una nuova copertina… Per saperne di più, restate connessi

IL MIO ULTIMO ROMANZO:

L’anima non si arrende

E IL RACCONTO  Semplicemente vivendo  PREMIATO CON UNA MENZIONE D’ONORE AL PREMIO LETTERARIO NAZIONALE EMOZIONI 2017

15

Il mio Racconto “Semplicemente vivendo” si è classificato fra i finalisti al Premio Letterario Nazionale  EMOZIONI 2017 guadagnandosi la pubblicazione in una raccolta di racconti  SCARICABILE .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...